Costruisci una forte interiorità

La consapevolezza può essere un catalizzatore per la crescita professionale degli educatori.

La consapevolezza – un insieme di capacità che ci aiutano a essere più presenti, calmi e concentrati – può essere un catalizzatore per lo sviluppo sociale ed emotivo e per la crescita professionale degli educatori. “C’è così tanto che gli educatori vogliono dare agli altri che può essere difficile ritagliarsi il tempo per sviluppare la nostra vita interiore e prendersi cura di sé”, dicono i ricercatori di Harvard Graduate School of Education.

Offrono cinque semplici passaggi che ogni educatore può intraprendere per aumentare il benessere, superare le sfide e coltivare le forze interiori.

Concentrati.
Per molti di noi, rispondere alle continue richieste è profondamente faticoso e frustrante, rende difficile rimanere organizzati e fare le cose che servono. Per sviluppare la nostra capacità di concentrazione, consigliano di impiegare uno o due minuti diverse volte al giorno per allontanarsi dai nostri dispositivi ed essere presenti copro  e mente. Fai stretching, esci, guarda fuori dalla finestra, concentrati sul tuo respiro – fai solo una cosa, ma falla con il 100% della tua attenzione.

Rallenta.

Questo va di pari passo con la concentrazione e il focus. Prendi 10 o 15 minuti ogni giorno per essere da solo. Medita, fai yoga, cammina, prendi una tazza di tè, fai un bagno caldo, gioca con i tuoi bambini o animali domestici, o semplicemente siediti e accorgiti della bellezza che ti circonda.

Prenditi cura del tuo corpo.

Sappiamo tutti che è importante, ma molti di noi lasciano questo aspetto quando sono occupati. Un sonno adeguato è essenziale, come limitare il cibo malsano, la caffeina e l’alcol e mangiare cibi freschi e ben preparati. Questi richiedono disciplina e tempo, ma i benefici in energia e chiarezza sono significativi. Ci vogliono alcuni mesi perché il tuo corpo si riprenda dalle cattive abitudini e sonno insufficiente. E per molti, l’esercizio diventa piacevole solo dopo averlo fatto regolarmente per tre o quattro mesi.

Mantieni una prospettiva positiva.

vedi le difficoltà in una prospettiva positiva quando le cose si fanno cupe ricordandoti di cercare il bene, cercare un tocco leggero o trovare una prospettiva alternativa. Cerca il lato umoristico che accompagna molte sfide: può essere utile. Divertirsi con le nostre mancanze e difetti può essere un grande aiuto contro lo stress, ma ricorda di non prendere in giro o fare battute a scapito degli altri.

Esprimi gratitudine.

Ogni notte prima di addormentarti, contempla tre cose buone della tua giornata o della tua vita. Assapora ognuna di loro per un minuto o due e concediti di sentire un profondo apprezzamento.

Il miracolo dell’educazione

Il Desiderio di insegnare

L’insegnante come anticorpo cognitivo

Ci sono parole che agiscono come “virus cognitivi”.

Contaminano e disorientano. Entrano nella nostra vita, si impongono nel luogo di lavoro, animano le nostre discussioni.

Ma ci anche parole che agiscono come anticorpi cognitivi, immunizzano di fronte alla banalità, alla ridondanza e alla retorica, preservano la libertà. Le parole dell’insegnante sono inattuali.

All’educatore si chiede di conoscere le prime e di sperimentare l’efficacia delle seconde, magari lontano da sguardi indiscreti, nella solitudine o in compagnia di una comunità, comunque quasi sempre lontano dall’occhio vigile della pedagogia ufficiale.

Non è una novità.

Ogni epoca storica è stata caratterizzata infatti da un insieme di parole, idee, valori, dubbi che spingono gli uomini e le donne ad oltrepassare situazioni-limite che si presentano come sfide del proprio tempo.

L’insieme di queste parole e idee, speranze e paure si dice che costituiscano l’universo tematico dell’epoca in cui si vive.

Situazioni limite che esigono, secondo il pedagogista brasiliano P. Freire, atti-limite, vale a dire azioni che non accettano l’ineluttabilità  di ciò che accade ma si aprono coraggiosamente e criticamente verso il superamento del presente, incontro ad un essere-di-più, un essere-più-autentico.

Il legame prima di tutto

Nel processo educativo il maestro si fa “parola” capace di costruire un legame. Un legame che ha bisogno di una rinnovata e inedita capacità di connessione da parte degli adulti nei confronti degli studenti, ma anche degli studenti tra di loro.

Parole che guardano e parole che contengono, parole che regalano e parole che  ringraziano, che costringono a trascendere l’esperienza stessa per il loro carattere irrevocabile di novità. Più che trascenderla, molti ragazzi l’abbandonano.

Serve la personalizzazione dell’apprendimento perché si fonda sull’idea che l’apprendimento mediato ha bisogno di un maestro che ti parla con calore, affetto, e ti aiuta ad entrare in contatto con i tuoi pensieri.